Friday, 22 September 2017

Pavimenti in legno e parquet

img03Non esiste nulla che, nell'arredo di uno spazio, riesca a trasferire il calore e il senso di casa che trasmette il parquet.
Ogni essenza trasmette una sensazione diversa che trova riscontro nella vostra personalità e nello stile con cui desiderate arredare gli ambienti della vostra casa. De Donno Decorazioni vi aiuta e vi guida nella scelta,posa e trattamento del vostro parquet

Perché scegliere il parquet

Chi sceglie un parquet per la propria abitazione spesso è motivato dal voler soddisfare esigenze prevalentemente estetiche. In realtà, diversi sono i motivi per cui il parquet si fa preferire ad altri tipi di pavimentazioni,  molti dei quali collegati alle caratteristiche tecniche della materia prima, il legno: è facile da reperire; presenta una scarsa conducibilità termica, mantiene caldi d’inverno e freschi d’estate (buon isolamento termico);  attutisce bene i rumori dovuti al calpestio (buon isolamento acustico);  presenta buona durezza,  non risulta facilmente penetrabile da altri corpi; offre una  buona resistenza all’usura, la qualcosa rende possibile il suo impiego anche in zone di grosso calpestio come musei, aeroporti, palestre, ecc; è un materiale duttile, elegante, piacevole alla vista e al tatto, dai bellissimi colori, venature e profumi; è facile da lavorare;  esistono essenze, come il teak,  che presentano una buona resistenza agli agenti atmosferici, da poter essere impiegati anche per pavimentazioni a cielo aperto.
Inoltre, il parquet:  si presta ad essere posato sul pavimento esistente, assicurando un  notevole risparmio; dopo un certo  numero di anni può essere levigato e lucidato riacquistando quasi la bontà della prima posa.

Come scegliere il parquet

img04

La scelta del tipo di parquet, sebbene in larga misura dettata da gusti personali, non può prescindere dalla destinazione dell’ambiente destinato riceverlo. Per i locali umidi, come il bagno e la cucina, bisogna orientare la scelta verso essenze particolarmente dure, come il Teak  o il Padouk, che oltre all’umidità sopportano bene anche gli sbalzi termici. Nella scelta del formato, è opportuno considerare che i formati piccoli sposano bene con i locali altrettanto piccoli e che passando da un ambiente ad un altro, tipo dal salone alla camera da letto, non è consigliabile cambiare la tecnica  di posa o il tipo di essenza. A parte le infinite essenze, bisogna distinguere tra parquet massello e  parquet stratificato o prefinito.  Il primo risulta formato  da un unico strato di legno massiccio, mentre il secondo da due o più strati,  di cui solo il primo è di legno massiccio, legno nobile,  mentre i restanti strati sono di legno lamellare o multistrato. Per evitare possibili disguidi, è opportuno sapere che,  oltre ai predetti pavimenti cui spetta in  via esclusiva la denominazione di “parquet”, il mercato offre i cosiddetti pavimenti impiallacciati e quelli laminati. I primi presentano superficialmente una strato di legno nobile anche inferiore al millimetro, mentre i secondi, i pavimenti in laminato, superficialmente presentano un foglio di laminato plastico che riproduce l’effetto delle varie essenze di legno. Man mano che si passa dal parquet massello a quello prefinito e quindi all’impiallacciato ed al laminato, diminuisce il pregio e quindi il prezzo, anche se la scelta diventa sempre più ampia.

Preventivi personalizzati gratuiti

Per ogni lavoro  potete richiederci telefonicamente o via E-mail un preventivo che, dopo un sopraluogo per rilevare la metratura necessaria, calcolare l'umidità, rilevare la planarità del sottofondo, e consigliare i trattamenti di finiture, vi forniremo gratuitamente. 

 

richiediPreventivo1